Maledizione o benedizione: l’IA si sta facendo strada anche nelle scuole e nelle università

Monika Casiero

L’intelligenza artificiale (IA) si sta sviluppando rapidamente e trova applicazione in diversi ambiti della vita. Nel campo della formazione, l’IA offre numerosi vantaggi, ma porta con sé anche delle sfide, soprattutto per quanto riguarda i lavori di diploma e gli esami. I testi generati da ChatGPT non si lasciano distinguere facilmente da quelli di un essere umano. Un lasciapassare per gli studenti che in futuro chiederanno a ChatGPT & Co di scrivere i loro lavori, o un modo utile per alleggerire il lavoro? Che siano positivi o negativi, gli sviluppi nel campo dell’intelligenza artificiale sono inevitabili. Abbiamo chiesto a tre istituti di formazione (corso di studi per tecnici di radiologia medica dipl. SSS/SUP) come affrontano il tema dell’IA e se hanno sviluppato delle linee guida in merito.

L’intervista si è svolta per iscritto con Arletta Collé (centro di formazione Careum, Zurigo), Gisela Salm (Medi; centro di formazione medica, Berna) e Isabelle Gremion (Haute Ecole de Santé Vaud, HES-SO).

Esistono direttive giuridiche per quanto riguarda l’IA e i diplomi di lavoro, o gli studenti ricevono informazioni dagli istituti di formazione?
Careum, Arletta Collé:
Presso il centro di formazione Careum di Zurigo, stiamo attualmente lavorando a una nuova guida per le citazioni (l’attuale stile di citazione APA). In questa guida, dovranno essere integrate anche delle direttive sull’IA/ChatGPT. Fino ad allora, gli studenti saranno informati dal personale educativo in merito alla corretta gestione e dichiarazione.

Medi, Gisela Salm:
La nostra guida al Medi di Berna è già stata aggiornata, comprese le direttive sull’IA e su ChatGPT.

HES-SO, Isabelle Gremion:
Le disposizioni giuridiche sono quelle della Legge federale sul diritto d’autore, LDA. I nostri studenti dichiarano all’inizio del proprio lavoro di essere gli unici responsabili delle prese di posizione e delle conclusioni del proprio lavoro di diploma e confermano di averlo prodotto in modo autonomo e di non aver utilizzato altre fonti oltre a quelle citate nella lista dei riferimenti.

Ogni istituto di formazione e università può redigere le proprie linee guida sull’IA?
Careum, Arletta Collé e Medi, Gisela Salm:
Sì, non siamo a conoscenza di una direttiva sovraordinata, per esempio del Canton Zurigo o del Canton Berna.

HES-SO, Isabelle Gremion:
Ogni istituto di formazione e ogni università può scrivere la propria guida. La Task Force della HES-SO «AI Education», istituita di recente, offre a studenti e docenti un supporto sotto forma di raccomandazioni, linee guida e schede informative su corsi, valutazioni e ricerche.

Come viene controllato l’eventuale plagio nei diplomi di lavoro?
Careum, Arletta Collé:
Il centro di formazione Careum di Zurigo utilizza il programma «Copy-stop». Il programma è messo a disposizione dall’Ufficio delle scuole medie e della formazione professionale (UMP) del Canton Zurigo e aiuta i docenti a individuare i plagi. Tutti i lavori in Careum Zurigo vengono controllati con «Copy-stop».

Medi, Gisela Salm:
In caso di sospetto di plagio, anche il poster del 2° anno di formazione, ad esempio, viene controllato con un programma. Il vantaggio è che tutti i lavori registrati vengono sottoposti a un controllo incrociato. In questo modo sono già stati scoperti dei plagi completi.

HES-SO, Isabelle Gremion:
L’HES-SO mette a disposizione il software antiplagio «Compilatio», oltre a documentazione e tutorial. Agli studenti viene offerto un accesso limitato al software (Compilatio), che consente loro di analizzare 40 pagine all’anno in modo da non essere penalizzati per il copia-incolla e altre forme di plagio.

E come viene controllato se un lavoro di diploma è stato scritto utilizzando l’IA/ChatGPT?
Careum, Arletta Collé:
Anche in questo caso utilizziamo il programma «Copy-stop», che può fornire un’indicazione attraverso un confronto incrociato. Ma non ci affidiamo soltanto al programma, perché quest’ultimo non sempre segnala le anomalie. Quando leggiamo il lavoro e individuiamo stili di scrittura diversi, ad esempio, ci rendiamo conto che sono stati impiegati l’IA o ChatGPT. Al più tardi all’esame orale (colloquio professionale), risulta chiaro se gli studenti hanno scritto il lavoro di diploma di proprio pugno o meno.

Medi, Gisela Salm:
Al momento non utilizziamo alcun software specifico che riconosca i testi scritti da ChatGPT o da altri strumenti di IA. Tuttavia, sembra che le università stiano lavorando per colmare questa lacuna.

HES-SO, Isabelle Gremion:
Al momento non utilizziamo alcun software per verificare se un lavoro è stato scritto con l’IA/ChatGPT. L’utilizzo di IA/ChatGPT deve essere indicato come fonte dagli studenti.

Ho scritto un lavoro di diploma e vorrei far controllare l’ortografia e la grammatica. È consentito o si tratta di plagio?
Careum, Arletta Collé:
In Careum, questi passaggi di testo devono attualmente essere scritti in blu. L’introduzione delle nuove linee guida per le citazioni potrebbe portare cambiamenti in questo senso.

Medi, Gisela Salm:
Finché nella bibliografia viene indicato quale software è stato utilizzato, il lavoro di diploma può essere controllato con degli strumenti. In generale, è certamente importante che si tenga conto delle linee guida dei rispettivi istituti di formazione. Anche il contributo personale degli studenti deve essere presente e ben visibile.

HES-SO, Isabelle Gremion:
È consentito. L’uso di ChatGPT può aiutare gli studenti a migliorare le loro capacità di scrittura. Tuttavia, questi devono essere consapevoli delle loro responsabilità quando utilizzano l’IA generativa. Bisognerebbe chiarire anche la questione dei pregiudizi intrinseci dell’IA generativa. Qualsiasi produzione creata con l’IA generativa rimane sotto la responsabilità dell’utente, che deve verificarne la veridicità e la conformità alle regole dell’etica e della proprietà intellettuale.

Quali conseguenze giuridiche devono temere gli studenti che scrivono il proprio lavoro di diploma utilizzando l’IA/ChatGPT?
Careum, Arletta Collé:
La situazione è simile anche da noi, anche se i lavori vengono rifiutati in parte con delle correzioni.

Medi, Gisela Salm:
Se è dimostrabile che il lavoro contiene un plagio, questo sarà rifiutato senza correzioni e sarà etichettato come plagio. È possibile ripetere il lavoro entro quattro settimane.

HES-SO, Isabelle Gremion:
Gli studenti vengono puniti con il mancato riconoscimento del lavoro, se l’uso dell’IA/ChatGPT dimostra che il loro lavoro non è sufficientemente autentico, viola la legge sul diritto d’autore o se non sono state rispettate le regole di citazione. Le IA generative sono considerate autori terzi e devono essere citate in caso di utilizzo.

Desidera aggiungere altro?
Careum, Arletta Collé e Medi, Gisela Salm
Le risposte fornite si riferiscono allo stato attuale. Gli sviluppi nel campo dell’intelligenza artificiale avanzano rapidamente. Ciò significa che dobbiamo tenerci al passo con le ultime possibilità e aggiornare costantemente le nostre linee guida.

HES-SO, Isabelle Gremion:
I progetti e le strutture implementate presso l’HES-SO sosterranno gli studenti e i docenti nelle competenze da acquisire nell’era dell’IA generativa. L’attuazione di un piano d’azione è cominciata nel gennaio 2024 e l’HES-SO ne riferirà regolarmente.

Contatto

Monika Casiero
Radiologia Hirslanden Zurigo
Responsabile TRM Medicina Nucleare
Witellikerstrasse 40
8032 Zurigo
monika.casiero@hirslanden.ch

Istituti di formazione intervistati

Arletta Collé

Responsabile del corso di formazione SSS in tecnica di radiologia medica

Careum Bildungszentrum Zürich, arletta.colle@careum-bildungszentrum.ch

Gisela Salm

Responsabile del corso di formazione SSS in tecnica di radiologia medica

Medi; Zentrum für medizinische Bildung, Bern, gisela.salm@medi.ch

Isabelle Gremion

Docente, responsabile della formazione pratica

Haute Ecole de Santé Vaud, HES-SO, isabelle.gremion@hesav.ch

Weitere Fachartikel

07.05.2024

La nuova struttura tariffaria per le prestazioni singole ambulatoriali – Effetti sulla radiologia

L'aggiornamento del TARMED (struttura tariffaria per le prestazioni mediche ambulatoriale) è di importanza cruciale, poiché questa struttura tariffaria unitaria per singola prestazione è in vigore dalla sua introduzione nel 2004. Da allora è stata utilizzata nella pratica medica. Negli ultimi anni le pratiche mediche, le tecnologie come anche i metodi di trattamento si sono notevolmente sviluppati e questo comporta l’attuale TARMED obsoleto. Il TARDOC dovrebbe ora sostituire l'attuale TARMED.

24.04.2024

Resilienza – superare le sfide con forza: da soli e in team

In radiologia, la resilienza si riferisce alla capacità dei professionisti della radiologia (medici, tecnici di radiologia medica e personale amministrativo) di affrontare le sfide e le tensioni di una routine di lavoro dinamica nel campo della radiologia e di essere in grado di ristabilirsi. Essa comprende la capacità di far fronte allo stress, di adattarsi e di lavorare in modo mirato ed efficace, anche in situazioni difficili. È importante che i professionisti della radiologia abbiano una resilienza forte e allenata per rafforzare la loro salute mentale e mantenere un’elevata qualità di assistenza ai pazienti.

19.04.2024

White paper: Remote scanning su RM per garantire un'assistenza sanitaria di alta qualità

Le associazioni professionali della Germania (DVTA), dell'Austria (rtaustria) e della Svizzera (SVMTR/ASTRM) hanno prodotto un documento innovativo sul thema «Remote scanning su RM per garantire un'assistenza sanitaria di alta qualità». Questo libro bianco fornisce raccomandazioni complete per garantire un'implementazione efficace e sicura della scansione remota nelle strutture sanitarie.

25.03.2024

Next Generation Radiology: un congresso orientato al futuro

L'annuale European Congress of Radiology (ECR) si è tenuto quest'anno dal 28 febbraio al 3 marzo 2024 presso l'Austria Center di Vienna. In qualità di presidente della SVMTR, ho partecipato a questo importante evento. Non si tratta solo di un evento per medici radiologi, ma anche per i tecnici di radiologia medica. È il congresso ufficiale della European Federation of Radiographers (EFRS), di cui siamo membri attivi da diversi anni. Il congresso si è svolto in un momento in cui la nostra professione è all'alba di una nuova era, quella della «Next Generation Radiology». Questo è stato anche il motto del congresso di quest'anno.

Diventando membro, sostenete il nostro lavoro. Diventate membri, i vostri colleghi vi saranno riconoscenti per il vostro interesse, il vostro impegno e la vostra solidarietà.
Diventare membro
© 2023 SVMTR. Tutti i diritti riservati.